Crea sito

Fuochi d’Artificio: Veleno Per l’Ambiente e Per Gli Animali

 

 

Il Ferragosto, un festoso momento di gioia, divertimento e di giochi pirotecnici è appena finito, ma già si sta discutendo su un problema molto grave che colpisce il mondo animali, quello dei fuochi d’artificio. Nelle sagre e nelle feste i fuochi d’artificio hanno rivestito un ruolo molto importante  nel divertimento umano, ma non possiamo dire la stessa cosa per gli animali.

 

L’uomo sente una varia gamma di suoni, con una frequenza di circa 20 mila Hz, il cane da 40/46 mila Hz, i gatti a 70.000 Hz , i pipistrelli oltre 100.000 Hz, quindi non c’è da stupirsi che questi botti li spaventano tanto.E’ come se ci scoppiasse una granata a qualche metro di distanza! Parlando degli animali domestici, questo problema può creare vere e proprie fobie che possono causare gravi danni psicologici, oltre che fisici, agli animali. Infatti si è registrato un numero sempre più crescente di prescrizioni veterinarie di sedativi per animali, utilizzati durante le feste. Un problema meno preso in considerazione è quello delle polveri sottili, che causa gravi danni all’ambiente, oltre che al mondo animale, liberando una grande quantità di metalli pesanti nell’aria.

paura-capodanno-animali-come-rimediare

Claudio d’Esposito presidente del WWF Penisola Sorrentina dichiara:« Negli ultimi anni un numero sempre crescente di cittadini e turisti ci ha segnalato i gravi disagi e le sofferenze patite dai loro animali, che al rumore dei fuochi di capodanno impazziscono e corrono il rischio di subire gravi conseguenze. I fuochi artificiali sono infatti causa di morte, ferimenti e traumi per animali domestici e selvatici. Sappiamo che serve coraggio per rompere una tradizione che va avanti da anni, ma bisogna iniziare a dare l’esempio».

fuochi

Aggiunge Massimo Vitturi responsabile Lav settore caccia e fauna selvatica: “Per gli animali selvatici i botti dei fuochi è un momento d’inferno. Le improvvise detonazioni determinano negli uccelli che riposano sui posatoi notturni, spesso in colonie molto numerose, istintive reazioni di fuga che, unite alla mancanza di visibilità, causano la morte di molti di essi, soprattutto per eventi traumatici, derivanti dallo scontro in volo con strutture urbane (case, lampioni, automobili, ecc.)”.

2316 Total Views 1 Views Today
Un voto al post?