Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /membri/langolodelmammifero/wp-content/plugins/cta/classes/class.cta.render.php on line 347
GUIDA: COME ACCUDIRE IL CRICETO | -- L'ANGOLO DEL MAMMIFERO --
Crea sito

GUIDA: COME ACCUDIRE IL CRICETO

 

Chi ha detto che il criceto è un’animale destinato esclusivamente ai più piccoli e non agli adulti? Questo grazioso animale conquista cuori di tutte le età con la sua tenerezza, vivacità e simpatia. E’ sempre pronto a farsi una bella corsetta, a svagarsi o nascondersi in stretti corridoi o fessure. Tutta questa energia deriva da un metabolismo molto veloce che, a malincuore di molti proprietari di criceti, riduce la loro vita e li fa vivere qualche anno. Ma come si accudisce un criceto? Quali esigenze ha? Leggi questo articolo e lo scoprirai.

gabbia-criceti_N1

Se volete saperne di più sui criceti e in particolare su quello russo vedi qui.

Come tutti gli animali, anche questi hanno bisogno di trattamenti e condizioni particolari per avere una vita sana e il più possibile longeva. Iniziamo dicendo che la gabbia è un tassello importante, in quanto può causare un forte stress se le condizioni minime non sono rispettate. Diverse specie di criceto possono avere diverse esigenze riguardo allo spazio, per esempio un criceto dorato necessita di una gabbia di almeno 50×70. Per alcuni le sbarre verticali sono meglio di quelle orizzontali perché evitano che il criceto si arrampichi, cosa che gli può causare una brutta caduta; evita in oltre che si incastri nelle fessure della gabbia durante l’arrampicata. Trucioli di legno o la “segatura” della 20120920205049_1_tnpannocchia di mais sono essenziali, perché  rappresentano la morbida imbottitura della sua gabbietta. E’ vietato assolutamente usare la segatura e la sabbia del gatto come fondo, perchè sono sostanze troppo polverose e possono contenere elementi chimici dannosi. E’ molto importante in oltre aggiungere una sorta di casetta o di rifugio chiuso, ripieno di carta igienica o di cotone apposta per questo utilizzo. Questo luogo rappresenterà il suo nido, la sua casa, dove potrà riposarsi e starsene in santa pace. Si può aggiungere anche un piccolo spazio con della sabbia, che verrà usato come lettiera o come zona di scavo. La segatura va cambiata una volta alla settimana, mentre una pulizia più profonda deve essere effettuata meno frequentemente, perché le varie sostanze chimiche utilizzate per sanificare la gabbia disorientano il criceto; essendo un roditore la maggior parte delle cose vengono percepite con l’olfatto. Non può di certo mancare la ruota, lo strumento di sfogo per eccellenza. Non devono mancare i tubi di plastica (estensione della gabbia) o più semplicemente, in mancanza di una gabbia attrezzata, si possono utilizzare rotoli di carta igienica non profumata.

Riguardo l’alimentazione è importante ricordare che i semi di girasole vanno assolutamente limitati, perché si rimpinzerebbero la pancia solo con quelli e non con il resto del cibo. Per loro rappresentano una vera e propria ghiottoneria. Verdura e frutta fresca devono essere presenti in quantità abbondanti nella loro dieta. Dolci e altri alimenti presenti nella nostra dieta sono estremamente vietati, perchè troppo grassi, salati e/o zuccherati.

Istantanea 1 (08-06-2015 17-50)

Prendersi cura di questi animaletti può risultare facile, ma bisogna tenere presente che sono pur sempre animali che necessitano di molta attività fisica e quindi bisogna farli gironzolare ogni tanto nella stanza, o farli divertire con percorsi fatti apposta per loro. La loro presenza durante il giorno può essere limitata, siccome sono animali notturni, ma trasmettono sempre un certo calore e possono diventare particolarmente affettuosi.

 

 

Leggi anche come capire al 100%il tuo gatto! Qui

GUIDA: COME ACCUDIRE IL CRICETO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*