Crea sito

Un Maestro Mimetizzatore: lo Squalo Tappeto Maculato

Lo squalo tappeto maculato o squalo marmoreggiato vive lungo le coste del Giappone, della Cina meridionale e dell’Australia. Può raggiungere una lunghezza di 3 metri, con una pinna caudale il cui lobo superiore è molto rialzato rispetto all’asse del corpo. Il nome di questo squalo è dovuto al suo manto: esso, infatti è di colore scuro, chiazzato di macchie più chiare in varie tonalità di marrone, con le caratteristiche macchie a forma di “O” color crema, il ventre ha una tonalità crema chiaro. Grazie a questo particolare manto, lo squalo tappeto maculatoriesce a mimetizzarsi ottimamente con il fondale marino, grazie anche alla presenza, nella parte frontale del muso, di “baffi” che utilizza per simulare la presenza di coralli.

L’habitat ideale degli squali marmoreggiati coincide con le piattaforme tappeto maccontinentali, fino ad una profondità di 110 metri, generalmente in zone ricche di coralli, scogli, pietre o anche in corrispondenza di fondali sabbiosi. Lo squalo tappeto maculato è un animale notturno, che si nutre soprattutto di pesci ossei e invertebrati che vivono sul fondo dell’oceano. Si registrano casi in cui questo squalo ha morsicato esseri umani che, non vedendolo, lo hanno calpestato o hanno avvicinato troppo i piedi alla sua bocca, ma certamente attacca se minacciato. La sua carne è molto ricercata, poiché viene utilizzata per il consumo umano, e il suo manto viene, in alcuni casi, utilizzato per la produzione di pelli. Viene cacciato soprattutto dai pescatori di aragoste che lo considerano una minaccia per le loro attività.

Lo squalo tappeto maculato è una specie ovovivipara e partorisce nidiate fino a 37 cuccioli.

1905 Total Views 1 Views Today
Un voto al post?

2 thoughts on “Un Maestro Mimetizzatore: lo Squalo Tappeto Maculato

  • marzo 2, 2016 at 1:48 pm
    Permalink

    SRIVETE UNA MAIL DI PROTESTA A TGCOM CONTRO LO STUPIDO ARTICOLO DEGLI SQUALI ASSASSINI!!www.tgcom.it. articolo del 07/06/08 QUESTO IL MIO: Gentile redzaione Tgcom,Vi scrivo in merito alla presunta notizia del gruppo di squali killer che ha deciso di cambiare alimentazione e di scegliere l’uomo come pasto.. secondo quanto riportato dall’articolo, un gruppo di scienziati del national fishing institute sta tentando di dimostrare che i pescecani stanno cambiando la loro alimentazione per via dei cadaveri buttati in mare!!Affermare una simile sciocchezza significa ignorare del tutto-volontariamente-le caratteristiche etologiche degli squali che non si sono mai nutriti di esseri umani (salvo rarissimi casi di attacchi)ma di pesci o foche, ecc..Affermare che i loro gusti alimentari possano essere cambiati in cos poco tempo semplicemente ridicolo!Forse informandosi meglio, si potrebbe parlare dei motivi VERI che hanno causato questi attacchi, quali la pesca incontrollata che ha depauperato il mare insieme all’inquinamento o alla caccia alle foche. Peccato anche che nell’articolo non venga assolutamente menzionata l’attivit della suddetta societ che accusa gli squali di essere diventati degli assassini, che guarda caso un industria della pesca e degli allevamenti intensivi. Inviterei quindi la vostra redzaione a riportare le notizie in modo CRITICO, per rispetto delle persone che leggono e del mestiere del giornalista .

    • maggio 6, 2016 at 2:18 pm
      Permalink

      Il nostro blog tratta sia di novità che di descrizione degli animali stessi. Certo è che gli animali, compresi gli squali, non sono visti nei documentari sotto un ottica critica. Questa cosa è naturale, anche perché parlare di danni agli animali da parte dell’uomo è diverso che descriverli in maniera oggettiva! Ci sono documentari che durano ore e che denunciano, giustamente queste cose. Noi ci limitiamo a raccontare le descrizioni nella maniera più oggettiva possibile, la critica la lasciamo a notizie più mirate.

Comments are closed.